Industry 4.0 è l’innovativo modello di industria pensato per automatizzare al massimo i processi aziendali e migliorare così le condizioni di lavoro, creare nuovi modelli di business e aumentare la produttività e la qualità produttiva degli impianti di un’azienda.

 OSItalia lavora da tempo in questa direzione ed ha ultimato soluzioni smart che permettono a tutte le imprese di essere protagoniste della nuova rivoluzione industriale 4.0 sfruttando appieno le potenzialità delle cosiddette tecnologie intelligenti.

 

Il software Efesto di OSItalia ha la capacità di interfacciarsi ai macchinari di tutti i maggiori produttori al mondo. Questo significa che nel momento in cui un’azienda procederà all’acquisto di un nuovo macchinario Industry 4.0 ready, il nostro software sarà la perfetta soluzione per far dialogare a pieno regime computer e macchinario e attivare così i processi di automazione richiesti dall’Industry 4.0.

Come funziona Efesto con Industry 4.0?

Immaginiamo per un attimo che all’interno dei computer di un’azienda “giri” la produzione di OS1. Con Industry 4.0 e grazie al software Efesto di OSItalia è possibile passare direttamente alla macchina gli ordini di produzione (numero di pezzi, settaggi, etc.) e di ricevere dalla macchina, una volta terminato il lavoro, il numero di pezzi prodotti, gli scarti e tutte le altre informazioni necessarie a chiudere il ciclo produttivo.

 

Tutti i nuovi macchinari che vengono prodotti oggi sono dotati di un computer industriale, integrato nella macchina stessa ed equipaggiato con protocollo di comunicazione Industry 4.0 in grado di dialogare con il nostro software Efesto e quindi con un computer gestionale.

 

Ma cosa succede quando all’interno di un’azienda ci sono macchinari non dotati del protocollo Industry 4.0 che non si vogliono (o possono) sostituire?

 

Il box Giano di OSItalia è pensato per permettere ai macchinari obsoleti di dialogare perfettamente con i nuovi software Industry 4.0.

Usare il box Giano è una soluzione molto meno costosa rispetto alla scelta di fare un upgrade della macchina rivolgendosi al costruttore.

 Industry 4.0 è un primo passo nella direzione del Remote Working ed OSItalia è pronta per raccogliere questa sfida.

Lascia i tuoi dati, ti richiamiamo noi!

Compila il form e per essere ricontattato.

Perché scegliere la Blockchain?

La sicurezza dei dati è sempre stata una prerogativa importante per OSItalia e per il suo staff di tecnici, questo perché crediamo fortemente nel trattamento di dati e di norme in maniera trasparente e permanente nel tempo.

Il settore dell’industria alimentari è stato uno dei primi ad intuire la potenzialità della tecnologia blockchain. Garantire infatti al consumatore la possibilità di verificare ogni fase del processo produttivo del prodotto acquistato diventa qualcosa di straordinario, consolidando in primis il rapporto di fiducia tra consumatore e produttore.

Il corretto uso della Blockchain la rende flessibile, adattabile a qualsiasi ambito (non solo quello alimentare), attendibile perché organizzata cronologicamente ed affidabile poiché le sue caratteristiche impediscono la perdita di dati, trasferendo in modo istantaneo e senza intermediari le proprietà di qualunque bene. La costante verifica di modifiche non autorizzate, blocca sul nascere possibilità di manomissione di dati.

Tornando al lavoro di OSItalia: cosa siamo riusciti a creare in un anno di lavoro?

Ad un anno esatto dal meeting aziendale, nel quale ci eravamo prefissati obiettivi ambiziosi sulla Blockchain, il lavoro non si è mai interrotto ed è rimasto un focus importante per l’intera azienda. Ad oggi, grazie alla collaborazione con Ifin Sistemi e la piattaforma TrustedChain, il nostro gestionale OS1  è uno dei primi sul mercato ad essere integrato con un sistema di Blockchian.

Il 30 ottobre sarà sarà presentato ufficialmente il prodotto assieme al suo listino, pronto per essere lanciato sul mercato.

Se vuoi saperne di più, lascia i tuoi dati, ti richiamiamo noi!

Compila il form e per essere ricontattato.

OSItalia Cloud Database è da oggi disponibile anche per Delphi 10.4.1 Sydney.

Ricordiamo che OSItalia Cloud Database è un set di componenti per l’accesso ai dati di Microsoft SQL Server, da progetti Delphi VCL (Win32 e Win64), da progetti FireMonkey (Win32, Win64, OSX, iOS e Android) e da progetti console per Linux 64 Bit.

Vuoi saperne di più?

Compila il form e per essere ricontattato.

Prima delle ferie estive, il 31 luglio 2020, si sono svolte in OSItalia le elezioni per il nuovo Consiglio d'Amministrazione.

Il nuovo esecutivo è composto da:

  • Paolo Bresci, Presidente
  • Piermassimo Colombo, Vicepresidente;
  • Riccardo Lotti
  • David Lastrucci
  • Nicola Mondinelli
  • Alberto Soave
  • Fabio Provvedi
  • Luca Rosati
  • Sandro Feole

Questo nuovo C.d.A. è costituito di una forte componente multidisciplinare, considerata una ricchezza che sarà di grande aiuto nell’individuazione delle strategie e delle azioni per accompagnare OSItalia nel suo cammino di crescita.

Quali sono gli impegni per il futuro di OSItalia?

“Impiegheremo ogni nostra energia per far diventare OSItalia un'azienda che riesce a supportare i partner e nello stesso tempo a fare innovazione, a rispondere alle esigenze del mercato e a valorizzare il proprio network”, queste le parole dei consiglieri, che vedono nelle prossime azioni tre principali direttrici della nuova Vision OSItalia:

Una strategia orientata al prodotto: Lo sviluppo del “nuovo OS1”, così viene chiamato il progetto web attualmente nelle sue fasi iniziali di sviluppo. Questa sarà la sfida più grande che OSItalia dovrà affrontare nei prossimi anni, e su questo saranno concentrate le attenzioni di tutti. “Disporre al più presto di un nuovo prodotto garantirà, di potersi presentare dai propri clienti con nuove possibilità di business, e renderà l’offerta OSItalia, più interessante per i nuovi concessionari. Per farlo e, farlo bene, dobbiamo essere allo stesso tempo molto innovativi, ma senza disperdere il patrimonio di conoscenze, esperienze, fino ad oggi accumulato. La nostra Vision su questo tema strategico ci porta ad affermare che non sarà sufficiente “riscrivere” il prodotto con una nuova tecnologia, “tirando a lucido” le attuali funzioni. Dobbiamo prima domandarci “Come sarà il software gestionale tra dieci anni? Quali funzioni dovrà avere, in quale contesto dovrà operare? Quali saranno le aspettative d’uso dell’utilizzatore di OS1?” Non vogliamo attendere che sia il mercato ad indicarcelo, sarebbe tardi. Spetta ad OSItalia questo compito, suggerendo l’innovazione e portando questo valore sul mercato”. Con queste parole, i consiglieri lanciano una vision totalmente diversa per il futuro di OS1 ma soprattutto di OSItalia stessa.

La cura dell’Ecosistema OSItalia: supporto nella crescita e nell’innovazione per le aziende che sono già concessionarie e per quelle che lo diventeranno, questo lo scopo del nuovo C.d.A per quanto riguarda il proprio network. In programma, molte azioni atte a percorrere questa strada, tra cui nuovi progetti di co-marketing, per valorizzare l’impegno di tutte le aziende partner, maggiore comunicazione dei “casi di successo” delle aziende concessionarie, mettere in comune l’offerta disponibile di verticalizzazioni OS1, sostenere formazione continua e multidisciplinare, scrivere un nuovo codice etico, istituire gruppi di interesse che aiutino a studiare le esigenze di mercato, e molto altro ancora. In definitiva, una strategia orientata alla condivisione e alla crescita del gruppo “OSItalia”.

Nuove proposte di mercato: il nuovo C.d.A. si impegnerà a fortificare la propria immagine, dando spazio a varie attività con il fine di aumentare la visibilità di OSItalia sul mercato. Alcune, come il web e social marketing, eventi mirati, interviste esclusive e video dedicati creano già un network di relazioni con i concessionari che fanno già parte della compagnia. Obiettivo?? Intercettarne di nuovi, attraverso un attento lavoro commerciale e di pubbliche relazioni.

Visibilità e professionalità orientate al business continuano ad essere i due perni cardine per il nuovo C.d.A. OSItalia.

OSItalia e Fatturazione Elettronica: ne parliamo con Marco Caronia, amministratore di Clock s.r.l., azienda socia di OSItalia che tra le prime ha scelto di utilizzare la nostra soluzione di Fatturazione Elettronica integrata con il gestionale OS1.

Perché Clock s.r.l. ha deciso di adottare la soluzione di Fatturazione Elettronica (FE) di OSItalia?

Se OSItalia fosse stata pronta anche prima con la Fatturazione Elettronica avremmo già aderito  volentieri nei mesi passati, convinti che sia una grande opportunità. Sappiamo che è stato un lavoro complesso, vista anche l’emergenza sanitaria che abbiamo affrontato.

Adesso che c’è la soluzione integrata con OS1, abbiamo deciso di convergere su questa.

Siamo convinti che il volume d’affari proveniente dalla FE possa portare degli utili da investire nel prodotto OS1 e nei servizi erogati alla rete di partner di OSItalia, che è sempre al centro della mission dell’azienda.

Quali sono i vantaggi che ne avete tratto?

Il vantaggio principale è l’integrazione nativa con il gestionale OS1, oltreché un unico interlocutore per i due prodotti. Di contro, la conversione del parco clienti con altro prodotto non è mai facile: ciononostante la flessibilità commerciale di OSItalia ci fornisce un valido aiuto nel concludere l’operazione.

Cosa offre OSItalia di diverso rispetto ai concorrenti?

La soluzione di OSItalia offre il supporto congiunto della Pubblica Amministrazione e dell’NSO, oltreché della Fatturazione Elettronica base. Un’altra funzionalità molto positiva è quella di export massivo in formato ZIP per l’interscambio con i commercialisti.

Manca ancora la possibilità di caricare direttamente sul portale la fattura (funzione che qualche nostro cliente usa), ma sappiamo che OSItalia la rilascerà a breve.

Cosa significa usare un buon sistema di Fatturazione Elettronica all’interno di un’azienda e quali sono, in base all’esperienza dei vostri clienti, le caratteristiche che un software di FE deve avere?

Il mio pensiero in merito alle caratteristiche di una buona soluzione di FE è in primis snellire i compiti ripetitivi affidati agli operatori, come il caricamento dei dati sia in magazzino che contabili. Successivamente, un buon sistema di Fatturazione Elettronica  deve garantireun ottimo livello d’interazione tra i sistemi, modifiche, cancellazioni, associazioni dei prodotti etc.

In ultimo, una buona FE deve permettere l’automazione completa del processo d’invio e ricezione e la notifica degli alert in caso di errori. OSItalia è nella buona strada per interpretare al meglio ognuna di queste necessità.

Quali sono i vantaggi di essere concessionario OSItalia?

Un grande vantaggio è indubbiamente il prodotto OS1: la possibilità di verticalizzare un prodotto consolidato e flessibile verso problematiche di settore specifiche. Stiamo aspettando da tempo una maggiore astrazione e siamo certi che non tarderà ad arrivare.

L’indipendenza contrattuale rispetto alla vendita è un altro importante vantaggio, insieme all’assistenza costantemente garantita dall’azienda. Negli ultimi mesi, il Know-How diffuso attraverso sistemi telematici si sta dimostrando un altro ottimo punto di forza.

Ecco le novità per la Fatturazione elettronica 2020

Negli ultimi mesi si è parlato molto dei nuovi provvedimenti dell’Agenzia delle Entrate per la Fatturazione elettronica.

Provvedimenti che si prefissano di semplificare il lavoro di tutti, rendendo la gestione delle fatture sicuro e rapido, minimizzando gli errori e massimizzando i tempi di azione.

Quella che sembra essere la strada che stiamo percorrendo è quello di rendere digitale ogni processo che comporta l’acquisizione, la gestione e il controllo dei documenti, sia come utenti finali che come aziende.

Creare processi automatici che permettano lo svolgimento del proprio lavoro nel modo più sicuro, affidabile e rapido possibile: ecco quale sarà l’evoluzione del digitale per l’Italia.

Fatturazione elettronica 2020, nuove regole sui tracciati. Cos’è cambiato?

In prima istanza, il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dello scorso 28 febbraio 2020 prevedeva l’introduzione del nuovo tracciato al primo ottobre 2020, con un periodo transitorio che sarebbe dovuto iniziare il 4 maggio.

Data la situazione Covid-19, e le nuove necessità delle aziende durante il periodo del lockdown, per consentire un graduale adeguamento al nuovo tracciato è stato spostato l’inizio del periodo transitorio dal 4 maggio al primo ottobre 2020, e fino al 31 dicembre 2020 il sistema di interscambio accetterà fatture elettroniche e note di variazione predisposte sia con le nuove, sia con le vecchie specifiche tecniche.

Lo SDI accetterà solo i documenti predisposti con le nuove specifiche individuate dal provvedimento dal primo gennaio 2021.

Specifiche tecniche: i nuovi codici

Il provvedimento del 28 febbraio 2020 ha approvato anche nuove specifiche tecniche (versione 1.6 dell’allegato A al provvedimento), che sostituiscono, sempre a partire dal primo ottobre 2020, le specifiche tecniche versione 1.5 di cui all’allegato A del provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 30 aprile 2018.

Sono stati ampliate le tipologie di documenti che potranno essere trasmesse allo SDI, unitamente al maggiore dettaglio dei codici natura.

Sarà così possibile da un lato disporre di una maggiore flessibilità nel predisporre le fatture elettroniche e, dall’altro, permettere all’Agenzia delle Entrate di predisporre con maggiore precisione la dichiarazione Iva precompilata.

Il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate ha modificato dunque gli schemi ed i controlli introducendo nuove codifiche “Tipo Documento” e “Natura” che, come detto, a partire dal primo di ottobre saranno alternative alle attuali e dal primo gennaio saranno le uniche accettate.

Gli obiettivi

La modifica dello schema XML della fattura elettronica ha l’obiettivo di implementare il tracciato file fattura grazie all’introduzione di nuovi codici natura, che dovranno essere utilizzati per identificare le ragioni di mancata applicazione dell’IVA e nuove tipologie di documenti, per i seguenti motivi:

  • recepire le richieste pervenute dagli operatori al fine di rendere più rapida e sicura la contabilizzazione dei dati nei software gestionali;
  • rendere più efficienti i processi di assistenza e controllo dell’Amministrazione finanziaria.

OS1, come si aggiorna il nostro software in virtù delle nuove disposizioni

Per la gestione di tutte queste novità sono stati fatti importanti interventi ad OS1BoxFatture Vendite, ad OS1BoxFatture Acquisti e ad OS1 stesso: la soluzione OSItalia oggi è già pronta a partire!

Lascia i tuoi dati, ti richiamiamo noi!

Compila il form e per essere ricontattato.

Eccoci al secondo appuntamento del corso su uniGUI,  Web Application Framework for Delphi, parte della nostra rubrica di approfondimento sul linguaggio di programmazione Delphi, “Delphi-ni Curi-OSI”.

Il 24 luglio, dalle 9:30 alle 11:30, parleremo di come abbiamo utilizzato uniGUI per programmare il nostro “Contact Manager”, il primo crm di OSItalia.

Gli argomenti che tratteremo saranno i seguenti:

  • Architettura del sistema
  • Struttura dell’applicazione
  • Personalizzazioni base (senza accesso al codice)
  • Personalizzazioni avanzate (con modifica del codice sorgente)
  • Cenni al deployment dell’applicazione

Esperto: Denny Sbanchi.

Che stai aspettando? Iscriviti subito al link sottostante, ti aspettiamo venerdì 24 luglio dalle 9:30 alle 11:30!

Impresa 4.0 Plus, il discorso Giuseppe Conte

Domenica sera c’è stata la nuova diretta Facebook del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in cui vengono chiariti alcuni dei nuovi punti del progetto di rinascita per l’Italia a seguito della crisi del covid-19.

Tra le tante novità, spicca il progetto “Impresa 4.0 Plus”, che punta a innovare e digitalizzare le aziende, incentivando le scelte più tecnologiche quali Blockchain, Industry 4.0, Green, IoT e Intelligenza Artificiale.

Impresa 4.0 Plus: cosa sapppiamo

Durante la diretta, il Presidente del Consiglio ha annunciato il progetto “Impresa 4.0 Plus”, che ha l’obbiettivo di rendere strutturali gli incentivi e le agevolazioni per le imprese che mostrano una vocazione e una propensione alla digitalizzazione e al Green.

Questo fa ben sperare nel futuro dell’Italia, che potrebbe fare il salto di qualità che già da mesi è ormai annunciato.
Infatti, fin dall’inizio della crisi Covid-19 tutte le imprese hanno cercato soluzioni per potersi rimettere in gioco, spostando il proprio lavoro in Smart Working, propendendo per tutti quei progetti che possono portare il proprio lavoro ad essere funzionale anche durante un periodo difficile com’è stato il lockdown.

OSItalia pronta a partire: Blockchain e Industry 4.0 pronte da tempo

Nell’attesa di avere maggiori informazioni per comprendere al meglio quali saranno questi incentivi, come poterli richiedere e quali saranno, nello specifico, i presupposti perché le aziende possano richiederli, OSItalia è già pronta.

I nostri progetti per Blockchain e Industry 4.0 sono stati sviluppati con l’intento di digitalizzare e innovare le aziende italiane, come abbiamo anche annunciato durante il meeting annuale 2019.

Da sempre la nostra mission è quella di guardare al futuro dell’evoluzione digitale, cercando soluzioni per tutte le aziende che desiderano r-innovarsi con progetti sempre nuovi e con prodotti pensati per essere al passo coi tempi e con le richieste di un mondo in continua evoluzione.

OSItalia è quindi il partner ideale per le Imprese 4.0 Plus: cosa stai aspettando? Diventa anche tu partner OSItalia e innovati oggi.

Giovedì 4 giugno 2020, dalle 9:30 alle 10:30 si terrà la prima colazione digitale di OSItalia!

Prenderemo un caffè insieme, parlando di smart working e dei cambiamenti del settore digitale insieme al nostro direttore commerciale Fabio Provvedi.
L’attenzione verso modalità di lavoro “smart” sta crescendo considerevolmente nel nostro paese e non solo.

Lo Smart Working presuppone un profondo cambiamento organizzativo e culturale necessario per superare modelli di organizzazione del lavoro tradizionali.


Restituire alle persone una maggiore flessibilità e autonomia nella scelta degli spazi, degli orari di lavoro e degli strumenti da utilizzare per svolgere le proprie attività lavorative significa creare organizzazioni più flessibili, introdurre approcci di empowerment, delega e responsabilizzazione delle persone sui risultati, favorire la crescita dei talenti e l'innovazione diffusa.

Le soluzioni in cloud di OS1 permettono già di lavorare da remoto e il nostro settore di ricerca e sviluppo è in continuo fermento per crearne di nuove e sempre più “user friendly”.

Come il modulo Contact Manager sviluppato nella nuova release OS1 5.3: il primo passo di OSItalia verso il mondo del CRM grazie ad una soluzione web che permette l’utilizzo da remoto di una serie di funzioni fondamentali per la gestione del cliente, la trattativa con nuovi lead e la possibilità di profilarne dettagliatamente le informazioni.

La nostra Colazione Digitale del 4 giugno, per la prima volta sarà aperta non solo ai concessionari che fanno parte del nostro network, ma anche a tutti coloro che vogliono saperne di più sul modello OSItalia e sullo smart working in generale.

Quali azioni potranno compiere le nostre aziende per integrare nei loro software soluzioni sempre più smart? Il lockdown ci ha insegnato che lavorare da remoto non solo è possibile, ma anche auspicabile e sarà ciò a cui tutti dovremo ispirarci per il futuro.

Un caffè con OSItalia? Perché no!

Vi aspettiamo giovedì 4 giugno! Per iscriversi, gratuitamente, basta seguire il link sottostante!

Iscriviti Ora!

Evento organizzato con il patrocinio di Assintel.

https://ositalia.com/site/wp-content/uploads/2020/05/Assintel_logo_TRASP_RGB-300x200.png

Lascia i tuoi dati, ti richiamiamo noi!

Compila il form e per essere ricontattato.

OSI Webinar 27 maggio: quale futuro per le aziende italiane? Ne parliamo con Assintel e IDC

Mercoledì 27 maggio dalle 17:00 alle 19:00 si terrà il Webinar promosso da OSItalia sul futuro delle aziende italiane in seguito ai cambiamenti imposti dalla situazione di emergenza e non solo. Come sfruttare le trasformazioni del mercato per ripartire al meglio, più forti di prima?

Partendo dall’analisi dell’Annual Report 2020 di Assintel, che era stato presentato in esclusiva al nostro XVII Meeting aziendale, ne parleremo con Andrea Ardizzone di Assintel e Fabio Rizzotto di IDC.

Scopriamo di più sui due protagonisti:

Andrea Ardizzone, segretario generale di Assintel. Si occupa di affiancamento concreto e quotidiano alle imprese del settore ICT e Digitale.

Con le sue parole, “la competitività del sistema paese e delle nostre imprese passa necessariamente attraverso la crescita delle competenze digitali dei cittadini e dei lavoratori: sul tema, Assintel è fortemente presente e promuove dal 2008, con cadenza annuale, l’Osservatorio delle Competenze Digitali che illustra scenari, analizza i gap, individua i nuovi profili professionali e i percorsi formativi richiesti. Entusiasmo, affidabilità e trasparenza sono i valori in cui credo e che cerco di condividere con il mio team di lavoro”. 

Fiore all’occhiello dell’attività dell’azienda, è l’Assintel Report, fotografia e tendenze del mercato ICT e dell’evoluzione digitale in Italia, che viene realizzato annualmente fin dal 2006.

Nel corso del nostro Webinar del 27 maggio, ll'Annual Report 2020 sarà la base di partenza per le successive analisi.

Altro protagonista dell’evento sarà il manager Fabio Rizzotto, vice presidente associato di IDC a capo della divisione Research and Consulting. Rizzotto coordina importanti progetti e servizi di supporto alle strategie dei protagonisti del settore ICT e grandi aziende.

Rizzotto segue gli scenari ICT e Digital Transformation, con particolare focus sulla disciplina “Skills & Future Organization”. Grazie alla ricerca continua di IDC e alle esperienze in Italia, è un “esploratore” esperto delle direzioni dell’ecosistema rispetto alla sfida dei talenti, delle competenze, del Future of Work, con la capacità di anticipare le dinamiche domanda-offerta di innovazione ed il ruolo delle tecnologie nella società e nei processi di business.

Grazie al suo contributo, cercheremo di capire insieme qual è il futuro delle aziende italiane anche attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie e innovazioni, in base all’andamento del mercato.

Entrambi i nostri protagonisti, sono figure di altissimo profilo che saranno in grado di dare un valore aggiunto alla spinta innovativa di OSItalia con uno sguardo concreto al futuro.

L’evento si svolgerà “a porte chiuse”, dedicato esclusivamente al network di concessionari e ad alcuni ospiti scelti da OSItalia nell’ottica di fornire sempre ai nostri partner dei veri e propri contributi di alta qualità per la loro crescita professionale e con la volontà di stimolare e supportare le loro attività di ricerca.

Lascia i tuoi dati, ti richiamiamo noi!

Compila il form e per essere ricontattato.

Covid-19 e ripartenza: Come ha affrontato OSItalia questo periodo di lockdown e quali sono i progetti futuri per supportare le aziende?
Ne abbiamo parlato con il nostro Direttore Commerciale Fabio Provvedi! Buona visione!!

OSItalia e Mulino Val d’Orcia, una Blockchain certificata per fare business e combattere la contraffazione dei prodotti agro alimentari

Fenomeni come la contraffazione alimentare e il cosiddetto “italian sounding” arrecano all’economia italiana un danno enorme, che Federalimentare ha quantificato in 90 miliardi di euro ogni anno. La ricetta per arginare il problema fino a sconfiggerlo arriva dalle innovazioni tecnologiche che ben conosciamo, e nello specifico dalla Blockchain.

In questa direzione, il primo progetto pilota di Blockchain avviato da OSItalia e presentato al XVII Meeting aziendale nel novembre 2019, ha visto l’utilizzo della piattaforma TrustedChain di Ifin Sistemi per consentire la tracciabilità della filiera produttiva del Mulino Val d’Orcia.

Si tratta di un’azienda agricola certificata bio già dal 1992, che da generazioni produce pasta e farine di alta qualità grazie alla macinazione a pietra e all’utilizzo esclusivo di grani antichi. Il titolare Amedeo Grappi conosce bene il valore della sua azienda, del know-how tramandato negli anni e di una produzione alimentare come la sua in cui ogni singolo passaggio richiede tempo, cura e dedizione.

Poter certificare in maniera immutabile i dati di produzione grazie alla tecnologia Blockchain, ha permesso al Mulino Val d’Orcia di valorizzare al massimo la tracciabilità dei suoi prodotti.

OSItalia è sempre pronta ad accogliere le innovazioni che arrivano dal mercato , per questo è particolarmente soddisfatta della riuscita di questo progetto in cui si è impegnata in prima persona.

Come attore dell’industria del software, OSItalia ha una visione ben chiara: nel prossimo futuro, il valore della licenza sarà sempre meno impattante in un progetto, mentre lo saranno sempre di più i servizi. Ormai i gestionali e altre tipologie di programmi sono sempre più simili e standardizzati, mentre quello che può fare la differenza è rappresentato invece dai servizi a valore aggiunto, come ad esempio la fatturazione elettronica e la Blockchain.

La certificazione sicura di TrustedChain

In questo contesto, la volontà di OSItalia di fare un passo avanti in direzione della Blockchain si è incontrato con la tecnologia a disposizione di Ifin Sistemi, con cui esisteva già una collaborazione in materia di conservazione digitale a norma. La reciproca conoscenza ci ha permesso di avviare una proficua collaborazione sulla Blockchain, facendo riferimento alla piattaforma TrustedChain di Ifin Sistemi, che è alla base del funzionamento del progetto relativo al Mulino Val D’Orcia.

Il valore aggiunto di questa tecnologia è che esiste una terza parte che certifica le informazioni conservate nella Blockchain. TrustedChain consente di affidarsi a dei Trusted service provider, che garantiscano nel tempo la possibilità di accedere a informazioni che non saranno mai modificabili, fattore che ovviamente costituisce una garanzia per i clienti finali.

Blockchain, un investimento per il futuro

Poter certificare tramite Blockchain l’intera filiera produttiva di un’azienda, è un qualcosa che dà valore aggiunto al prodotto ed una maggiore credibilità all’azienda stessa, anche in previsione di uno sviluppo futuro e di un aumento della produzione.

Grazie alla tracciabilità e alla trasparenza garantite dal sistema di blockchain, le aziende produttrici possono comunicare facilmente la veridicità della qualità dei prodotti e, di conseguenza, fidelizzare il cliente finale.

Il progetto del Mulino Val d’Orcia non resterà isolato: la collaborazione tra Ifin Sistemi e OSItalia porterà alla nascita di un modulo Blockchain standardizzato, che potrà essere utilizzato da tutti i concessionari della software house, anche per progetti diversi dall’ambito agroalimentare.

In questo periodo di grande difficoltà che il nostro Paese, a causa dell'Emergenza Coronavirus,  sta attraversando - e con lui tutte le aziende e le famiglie italiane - OSItalia ha scelto di fare la differenza.

Fin dall’inizio di questa crisi che ha portato poi alla quarantena e alla chiusura di molte attività, noi abbiamo deciso di non fermarci, ma anzi di continuare a studiare soluzioni che ci piace definire di “solidarietà” per garantire a tutti i nostri concessionari (e non solo) un supporto concreto ed efficace per non lasciarli soli.

OSItalia non si ferma davanti a niente

Le soluzioni che stiamo mettendo in campo dedicate alle Piccole Medie Imprese sono di varia natura: dal supporto economico per le aziende partner che si trovano in un momento di difficoltà con l’alleggerimento e la diluizione dei pagamenti, all’organizzazione di due Webinar (che si terranno il 21 e 28 marzo) per garantire la formazione continua sul linguaggio di programmazione Delphi anche a distanza, passando per l’ampliamento delle nostre soluzioni in cloud che permettono di lavorare a distanza con grande velocità e precisione, come il nuovo modulo Contact Manager.

Inoltre, la realizzazione dei progetti lanciati al Meeting 2019 non si ferma: i nuovi prodotti attesi (Blockchain e Industry 4.0, ma anche il nuovo sviluppo di moduli per la Fatturazione elettronica e NSO per chi lavora con la Sanità Pubblica) sono in arrivo nonostante la quarantena!

Assistenza, Smart Working e molto altro

Vogliamo davvero adottare ogni mezzo per dare un servizio sempre migliore ai nostri rivenditori: l’obiettivo di OSItalia è quello di sostenere tutti, anche da lontano.

Il nostro servizio di assistenza è sempre attivo e, oltre alle soluzioni sopra descritte, stiamo lavorando ogni giorno per realizzare nuovi e più efficaci progetti di Smart Working, campagne promozionali, servizi di assistenza personalizzati e tanto altro ancora.

Siamo consapevoli delle difficoltà in cui versano le PMI italiane in questo momento ed è per questo che continueremo a immaginarci soluzioni dedicate, per proteggerle dalle turbolenze del mercato e sostenerle sempre in maniera concreta.

Sei un rivenditore OSItalia? Non sei ancora nostro partner ma vorresti conoscerci meglio?

Chiunque tu sia, siamo lieti di aiutarti! Contattaci per sapere cosa possiamo fare per te! Insieme, siamo più forti.

Lascia i tuoi dati, ti richiamiamo noi!

Compila il form e per essere ricontattato.

Hai già messo "Mi piace" alle nostre pagine social?

Facebook

Linkedin

Arriva Contact Manager, il primo passo di OSItalia verso il mondo del CRM

Una delle novità assolute del gestionale OS1 per PMI presente nella nuova release 5.3, è l’inserimento di Contact Manager: modulo totalmente innovativo con cui OSItalia si affaccia per la prima volta al mondo del CRM e che va ad arricchire le soluzioni di smart working già presenti in OS1.

Contact Manager (CM) è un’applicazione comoda e intuitiva, utile per gestire in modo semplice sia i clienti acquisiti che i nuovi lead, con la possibilità di profilare dettagliatamente le informazioni e le peculiarità di ognuno.

Contact Manager è un’applicazione per il web, totalmente integrata con il database di OS1. Ciò significa che gli inserimenti o le modifiche che vengono fatte dai moduli standard di OS1 o da CM diventano disponibili in tempo reale per tutte le applicazioni della suite OSItalia, garantendo un processo veloce ed efficiente, con massima semplicità di utilizzo.

Come funziona il Contact Manager?

Grazie alla possibilità di lavorare anche da remoto – favorendo quindi una volta di più tutte le attività di smart working e tele lavoro – con CM è possibile avere sempre sotto controllo la lista dei nostri clienti, con anagrafiche aggiornate, dettaglio degli appuntamenti fissati e planner delle attività da sviluppare.

Oltre ai clienti acquisiti, Contact Manager dà la possibilità di profilare ed inserire i nuovi Lead, contatti utili che hanno bisogno di essere gestiti attraverso strategie di contatto differenti. Per questo, l’applicazione prevede anche la possibilità di affidare ogni lead e ogni trattativa ad un diverso utente interno della nostra azienda, garantendo così la possibilità di affidare ogni singola azione alla figura professionale che ha le competenze più adeguate all’interno del nostro team di lavoro.

Per ogni Lead e Cliente, inoltre, il programma fornisce la possibilità di monitorare lo stato ed il “calore” della trattativa (freddo, tiepido, caldo), esportare liste di dati utili, segnalare appuntamenti ed azioni importanti.

Contact Manager è realizzato nativamente in italiano ma già predisposto per l’inglese e le altre lingue che dovessero rendersi necessarie (francese, tedesco, etc). L’applicazione può comodamente essere utilizzata da PC, notebook e tablet così da facilitare sia il lavoro da casa, che fuori: anche lontano da OS1 è possibile lavorare in maniera dinamica, veloce ed efficace, senza perdere nessuna informazione!

Lascia i tuoi dati, ti richiamiamo noi!

Compila il form e per essere ricontattato.

Grandi novità in casa OSItalia che, sempre al passo coi tempi, entra ufficialmente a far parte degli Access Point certificati a livello internazionale per la piattaforma telematica PEPPOL (Pan European Public Procurement Online).

Che cos’è PEPPOL

PEPPOL è il canale per l’interscambio di Documenti Elettronici verso le Pubbliche Amministrazioni a livello paneuropeo.

È l’unico canale che permette di gestire a livello europeo tutte le tipologie di documenti in un formato standard XML UBL.

Tale formato infatti – ora utilizzato per gli ordini – sarà introdotto ad aprile 2020 anche per la fatturazione elettronica europea, quando sarà fondamentale poter accedere alla piattaforma PEPPOL se si vuole continuare a lavorare con aziende Europee senza difficoltà. Con OSItalia tutto questo è possibile.

Ma c’è di più!

In Emilia-Romagna e a Cuneo, PEPPOL è già obbligatorio per gli ordini NSO per chi lavora con la Sanità Pubblica

È importante sapere che in Italia, in alcune regioni e province (tra cui l’Emilia-Romagna e la provincia di Cuneo), le Aziende Sanitarie Pubbliche richiedono già oggi esclusivamente un identificativo PEPPOL per l’invio degli ordini.

Grazie al BOX NSO di OSItalia, gli ordini che transitano su rete PEPPOL o quelli che transitano tramite SDI vengono convogliati in automatico sul portale NSO di OSItalia rendendo tutta la procedura semplice, ed in regola con le indicazioni ministeriali.

È fondamentale – per le aziende ricevono ordini dalla Sanità Pubblica di queste aree – poter disporre di un applicativo come BOX NSO che permetta la gestione di entrambi i canali comunicativi.

Se OSI, puoi.

Facciamo chiarezza sull'NSO.

L’NSO (Nodo Smistamento Ordini) è la nuova procedura telematica obbligatoria che riguarda tutte le aziende o i professionisti che lavorano con la Sanità Pubblica. Entrata ufficialmente in vigore il 1° febbraio 2020 per la cessione di beni, diventerà operativa anche per le prestazioni di servizi da gennaio 2021.

Questo significa che tutti coloro che lavorano con la Sanità Pubblica da adesso potranno continuare a farlo ricevendo ordini da quest’ultima soltanto utilizzando il canale NSO.

Chi non si adegua a questa nuova normativa non potrà più lavorare con le PA del Servizio Sanitario Nazionale.

Esattamente come per la fatturazione elettronica, l’NSO rende interamente digitale tutti i passaggi di ordini emessi da un’azienda Sanitaria Pubblica verso i suoi fornitori.

L’NSO gestisce tutti gli ordini utilizzando i canali SDI e PEPPOL, piattaforma per l’interscambio di fatture elettroniche verso le Pubbliche Amministrazioni a livello paneuropeo che in alcune zone d’Italia (tra cui l’Emilia Romagna e la provincia di Cuneo, ma anche in altri luoghi) è  il canale obbligatorio richiesto per l’invio degli ordini alle Aziende Sanitarie Pubbliche.

Come fare quindi per adeguarsi agli obblighi di legge e continuare a lavorare con la Sanità Pubblica?

OSItalia ha realizzato un applicativo denominato BOX NSO capace di interfacciarsi con i servizi offerti dal Nodo Smistamento Ordini, sia che quest’ultimi provengano dal canale SDI che dal canale PEPPOL, visto che OSItalia è un PEPPOL Access Point certificato.

Il BOX NSO è nativamente integrato con i moduli del nostro software gestionale per aziende OS1.

Inoltre, grazie alle funzioni che abbiamo appositamente implementato, può essere facilmente integrato anche con applicativi di terze parti.

Questo significa che l’interfaccia BOX NSO di OSItalia può essere utilizzata:
- dalle aziende che usufruiscono già del software OS1
- da coloro che hanno altri software gestionali
- da tutti, tramite portale web.

Sei interessato a saperne di più?
Contatta il nostro reparto commerciale scrivendo a fabio.provvedi@ositalia.com o il nostro reparto marketing scrivendo a marketing@ositalia.com, o chiamaci al numero 057428674!!

Lascia i tuoi dati, ti richiamiamo noi!

Compila il form e per essere ricontattato.

Venerdì 12 aprile 2019

dalle 09:30 alle 11:00

partecipa al Webinar dedicato all’area PRODUZIONE del software gestionale OS1 release 5.2.
OS1 5.2 PRODUZIONE consente la gestione della produzione sia per magazzino che per commessa.

Nello specifico permette di gestire:
• Piano principale di produzione (MPS)
• Schedulazione attivita’
• Avanzamento della produzione (sia interno che esterno)
• Rilevazione attività in reparto
• Movimentazione del magazzino (sia interno che esterno)
• Consuntivi, costi e raffrontare preventivi
• Analisi tempi e costi a consuntivo con raffronto valori preventivi

Durante il webinar Paolo Bresci, Product Manager OS1 per OSITALIA S.r.l. spiegherà quali sono le novità e gli aggiornamenti dei moduli lasciando spazio anche a domande e approfondimenti dei partecipanti.
Un’occasione unica per implementare la tua conoscenza dell’applicativo e migliorare il tuo contesto lavorativo.

Il seminario è dedicato alla rete di partner Ositalia.
Per iscrivervi potete trovare informazioni nell’area riservata.

E ricorda…
PIU’ OSI PIU’ BUSINESS

Il nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0 è uno dei mattoni su cui si fonda il Recovery Fund italiano. Va a sostituire i precedenti Impresa 4.0 e Industry 4.0, rappresentando di fatto il nuovo indirizzo di politica industriale del nostro Paese.

L’investimento consiste in circa 24 miliardi di Euro, per una misura che diventa strutturale e che vede il potenziamento di tutte le aliquote di detrazione e un importante anticipo dei tempi di fruizione.

Il nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0 consiste in un’unica misura, con aliquote differenti per diverse categorie di beni. Il nuovo credito di imposta previsto sostituisce, dal 2020, le misure disponibili negli anni precedenti , tra cui iperammortamento e superammortamento.

In sostituzione dell’iperammortamento, per gli imprenditori infatti è disponibile il credito di imposta per beni 4.0: al 50% per investimenti fino a 2,5 milioni di euro, al 30% per investimenti tra 2,5 milioni e 10 milioni di euro.

Nell’idea del legislatore, il nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0 vuole essere una misura più inclusiva e attenta alla sostenibilità.

Le principali azioni del nuovo Piano Transizione 4.0

  • Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali
    Supportare e incentivare le imprese che investono in beni strumentali nuovi, materiali e immateriali, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi destinati a strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato.
  • Credito d’imposta ricerca, sviluppo, innovazione e design
    Stimolare la spesa privata in Ricerca, Sviluppo e Innovazione tecnologica per sostenere la competitività delle imprese e favorire i processi di transizione digitale e nell’ambito dell’economia circolare e della sostenibilità ambientale.
  • Credito d’imposta formazione 4.0
    Stimolare gli investimenti delle imprese nella formazione del personale sulle materie aventi ad oggetto le tecnologie rilevanti per la trasformazione tecnologica e digitale delle imprese.

L’intento del nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0 è quello di stimolare gli investimenti privati e dare stabilità e certezze alle PMI con misure che hanno effetto da 2020 a giugno 2023.

Oltre a garantire un maggiore accesso alle risorse, nel Piano è stato potenziato l’incentivo per acquisto di software, incrementandone l’intensità per l’acquisto di beni immateriali ed eliminando il vincolo d’investimento con i beni materiali.

Sono state inoltre introdotte anche piccole compensazioni (10%) sempre in credito di imposta per investimento in beni immateriali non strettamente connessi all’industria, come ad esempio il software gestionale.

Soprattutto, il Piano Transizione 4.0 è caratterizzato da una forte attenzione all’innovazione, agli investimenti green e alle attività di design e ideazione estetica svolte dalle imprese operanti nei settori tessile e moda, calzaturiero, occhialeria, orafo, mobile e arredo e della ceramica. Il tutto per valorizzare ulteriormente le produzioni del nostro Made in Italy.

Nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0: opportunità per le PMI

Il nuovo progetto Transizione 4.0 prevede, in sostanza, misure pluriennali per favorire la pianificazione delle strategie di investimento delle imprese. Introduce significativi potenziamenti sia in termini di aliquote e massimali delle agevolazioni, sia in termini di semplificazione e accelerazione delle procedure di erogazione del vantaggio fiscale.

L’estensione degli investimenti agevolabili, che a partire dal 2021 includono un bacino più ampio di beni strumentali immateriali e meccanismi semplificati e accelerati di compensazione dei benefici maturati per le aziende con fatturato annuo inferiore ai 5 milioni di euro, dovrebbe consentire il coinvolgimento maggiore delle piccole imprese che storicamente devono colmare un divario in termini di digitalizzazione di base.

La fruibilità immediata del credito, ovviando alle note carenze di liquidità, potrebbe così favorire maggiori investimenti da parte delle PMI. Questo rappresenta un’ottima opportunità di crescita e stabilità per tutte le imprese italiane.

Le soluzioni smart Industry 4.0 di OSItalia: https://ositalia.com/industry-4-0-soluzioni-smart/

Quali sono le novità introdotte dal 2021 per trasformare la nostra industria e sostenere le PMI nel processo di digitalizzazione? Se hai un’azienda o una piccola impresa “prevedere il futuro” e cogliere le opportunità in arrivo è possibile!

Ne parleremo venerdì 12 febbraio durante il Webinar gratuito organizzato da OSItalia – dalle 9:30 alle 10:30 – insieme a Nicola Mondinelli, membro del CDA di OSItalia e responsabile per il progetto Industry 4.0 di SCAO Industrial.

Le novità 2021 vanno nella direzione di un forte sostegno alla modernizzazione tramite tre tipologie di interventi fondamentali:
– ricerca e innovazione
– transizioni climatiche e digitali eque
– preparazione, ripresa e resilienza
Le PMI giocheranno un ruolo fondamentale in questa nuova trasformazione industriale e dovranno farsi trovare pronte a recepire le novità nel migliore dei modi.
Ti aspettiamo venerdì 12 febbraio: il webinar è gratuito e aperto a imprese e professionisti di ogni settore!

Iscriviti subito al link sottostante

L’evento è organizzato con il patrocinio di Assintel.

In questo momento così particolare, OSItalia si è chiesta come poter essere utile ai propri Partner (e non solo), in modo da fornire alle aziende italiane gli strumenti comunicativi più efficaci a fronteggiare i problemi che il mercato continua a presentare.

Come poter interagire con il cliente in modo ottimale, per comprendere le sue esigenze e trasformarle in punti di forza?

È possibile farlo grazie a tre componenti:

Osservazione: sapersi comunicare imparando a riconoscere contemporaneamente i nostri limiti, accettarli e superarli
Spontaneità: l’adattamento partecipativo nella vendita
Intuizione: valutare le esigenze del cliente.

Con l’obbiettivo di comprendere i segreti della vendita e di saper sfruttare i punti di forza della propria azienda, a partire da venerdì 13 novembre OSItalia ha in programma tre Webinar gratuiti dedicati alle strategie di comunicazione, tenuti dall’esperto e docente di comunicazione dottor Domenico Aversa, da anni impegnato nello studio e nella ricerca in sociologia della comunicazione.
Libero professionista nel campo delle risorse umane e dei problemi relativi alla dimensione comunicativa, della sociologia clinica e della negoziazione dei conflitti, Aversa svolge attività di ricerca, motivazione e consulenza manageriale.

Nei tre appuntamenti di un’ora ciascuno, dalle 9:30 alle 10:30, percorreremo insieme questa strada al fine di potenziare percezioni e motivazioni per rapportarsi al meglio con i mutamenti del mercato, le aziende ed i clienti con cui ci rapportiamo ogni giorno.

  • Venerdì 13 novembre 2020, “L’intelligenza nella vendita”
  • Venerdì 27 novembre 2020, “Il limite personale nella crescita professionale
  • Venerdì 11 dicembre 2020, “L’empatia”

OSItalia desidera crescere insieme alla rete dei propri partner, anche attraverso gli strumenti per una corretta comunicazione che impareremo a conoscere grazie ai tre Webinar gratuiti, sotto la sapiente guida del dottor Domenico Aversa.

Vi aspettiamo per il primo appuntamento venerdì 13 novembre 2020, alle 9:30!
Non mancate!

L’evento è organizzato con il patrocinio di Assintel.

Negli ultimi anni OSItalia è stata protagonista di importanti rivoluzioni. Nuovo logo, nuova immagine e – più di recente – nuovo Consiglio d’Amministrazione. Abbiamo chiesto quindi al nuovo Presidente del CDA Paolo Bresci di raccontarci la sua visione dell’azienda e quale sarà lo sguardo sul futuro da parte di OSItalia in un mercato in piena evoluzione digitale che attraversa grandi turbolenze a livello internazionale.


Qual è stata la spinta che ha portato OSItalia a questi radicali cambiamenti e qual è oggi la nuova Vision dell’azienda?

“A portarci alla convinzione che fosse necessario un cambio di rotta, è stato l’andamento del mercato e la voglia di competere in maniera sempre più decisa sullo stesso: OSItalia doveva essere in grado di espandersi e per fare questo aveva bisogno di persone con visioni nuove e competenze più eterogenee, capaci di fornire una forte spinta alla crescita aziendale”.

Il software gestionale OS1: quali saranno gli sviluppi futuri del prodotto di punta di OSItalia?

“OS1 è oggi un ERP completo, affidabile e altamente configurabile, pronto a rispondere alle esigenze delle PMI italiane. Ma questo non può che essere un punto di partenza.

Il primo passaggio sarà quello di corredare il nostro software di una serie di servizi digitali che consentano ai partner di poter soddisfare anche le richieste della clientela più esigente.

La vera rivoluzione sarà quella che arriverà subito dopo e che consentirà di spingere OS1 oltre gli attuali confini”.

Da sempre uno dei grandi punti di forza di OSItalia è la rete dei partner che la sostengono e lavorano spalla a spalla. Quali azioni intraprenderà l’azienda per rafforzare questo ecosistema?

“È assolutamente vero: il rapporto con i partner è sempre stato un nostro punto di forza. Far crescere le loro competenze ed allargare la loro visione ad un mercato più ampio è il punto di partenza per rendere i nostri partner strutture capaci di affrontare il mercato in maniera propositiva. E proprio in questa direzione vanno le azioni che a breve metteremo in campo e che aiuteranno coloro che hanno voglia di condividere la nostra visione ad essere co-protagonisti di una grande crescita.

I nostri partner devono capire che OSItalia non è soltanto un fornitore di software, ma un alleato su cui contare nel mondo dell’Information Technology”.

Lo sguardo di OSItalia verso il futuro: nuovi progetti in vista in un mercato in piena evoluzione digitale.

“Il nostro management analizza attentamente tutte le opportunità che il mercato offre ed è attento alle nuove indicazioni che dal mercato arrivano e continueranno ad arrivare. Credo che una delle parole chiave che emerge da questa analisi sia proprio “digitalizzazione” ed è esattamente in questa direzione che OSItalia intende muoversi a tutto tondo.

A breve renderemo disponibili alla rete partner, infatti, una serie di servizi che consentiranno un salto di qualità: non saremo più solo fornitori di ERP ma diventeremo un fornitore globale di servizi.

Avremo soluzioni in ambiti tecnologicamente avanzati come la blockchain, il mondo Industry 4.0, il Credit Shield e tanto altro ancora.

Parallelamente, stiamo ponendo le basi per la nuova piattaforma – rigorosamente Web – che consentirà di rendere ancora più fruibili tutti i prodotti e i servizi che OSItalia e la sua rete mettono a disposizione di tutti gli attori del mercato globale”.